Primo raduno gruppo svizzero

Il gruppo svizzero, primo gruppo al di fuori dei nostri confini nazionali, si è costituito e riunito per la prima volta sabato 10 febbraio a Losanna, organizzato da Beatrice Pizzarotti, con Ilaria Ricchi e Giulia Anguissola

6 Responses
  1. b.pizzarotti

    Ringrazio l’Associazione e tutti i participanti per aver reso possibile questo felice momento di incontro. Che questo possa essere l”inizio di una serie di incontri e scambi tra il Pavese e Oltralpe.

  2. r.ferrini

    Un bell’evento che personalmente aspettavo da 20 anni. Grazie alle organizzatrici per aver concretizzato il Gruppo Elvetico! Un bel momento tra discorsi seri e rivisitazione di 40 anni di tradizioni borromaiche (alcune ormai passate in proscrizione) con una dimostrazione “in real” di un’antica pratica di fitness (video disponibile a richiesta per gli/le interessati/e). 🤩 Si pregusta già il prossimo raduno intercantonale! 🥳

  3. p.piacentini

    Bellissimo raduno, ottima location e quell’impressione di sentirsi dopo pochi minuti tutti compagni d’anno…È il potere del nostro Almo Collegio…semel, semper…everywhere!!! Complimenti a Beatrice, Ilaria e Giulia per aver portato avanti con determinazione quest’iniziativa, della quale si sentiva proprio il bisogno. Al prossimo raduno rossocrociato, con la speranza di vederci “informalmente” anche prima!!! Grazie infine a Mario Calzavara (con cui condivido l’onore di aver difeso la porta della squadra di calcio negli ultimi 2 intercollegiali vinti) per essere stato dei nostri!

  4. m.baldrighi

    Un enorme grazie alle organizzatrici, che ci hanno permesso di ritrovarci in un bellissimo momento di ritrovo, incontro e scambio. Spero che il nostro pranzo losannino sia il primo di una lunga serie con questo gruppo! 🙂

  5. g.anguissola

    Grazie a tutti i partecipanti di questo incontro, e soprattutto a chi ci ha raggiunto da lontano, in particolare il Dott. Calzavara. E’ stato un momento che mi ha colpito a livello emotivo per la facilità con cui ci siamo sentiti a proprio agio in pochi minuti, semplicemente sapendo di aver condiviso le stesse mura. Mini-raduni come questi ci aiutano a ravvivare il ricordo del Collegio e dell’esperienza inspiegabile che ci ha regalato, nonché a ricordarci che siamo sempre in debito con il nostro Borromeo. Spero ci siano altri incontri attraverso cui potremo proporre iniziative per il Collegio, per permettere alle future generazioni di avere i nostri stessi ricordi. A presto e grazie a tutti 🙂 Giulia

Leave a Reply